TNS

Il valore del contesto

Sempre più frequentemente le nostre scelte sono influenzate dal contesto, oltre che dalle preferenze effettive. I fattori inconsci, che inducono alcuni comportamenti, sono a volte non solo frutto di nostri reconditi “desideri”, quanto più il risultato di un sistema attivo e rispondente al contesto fisico e reale in cui ci troviamo immersi.

Quando scegliamo nella realtà, pertanto, non lo facciamo attraverso la nostra preferenza ‘ideale’, ma cerchiamo livelli di soddisfazione immediata, abbastanza elevata da ridurre al minimo disagi e dispendi di energie, relative alla ricerca di qualcos’altro che meglio ci soddisfi in quel momento. Si parla, dunque, di schemi decisionali e di come a volte il contesto induca a comportamenti che sono a prima vista diversi dalle nostre preferenze. Ci ritroviamo insomma a essere influenzati da fattori diversi che possono essere sociali, per esempio la pressione di un gruppo sociale sulle scelte di un individuo, quando dobbiamo scegliere un prodotto specifico in un momento di consumo collettivo, oppure fattori contestuali, come la mancanza di disponibilità al momento dell’acquisto o del consumo (se siamo al bar e chiediamo una bevanda, non necessariamente prendiamo la marca desiderata, ma spesso scegliamo fra un range di proposte disponibili, anche se non è parte dei nostri brand preferiti). Questo implica scostamenti fra desiderata e comportamenti effettivi. In altre parole, le preferenze espresse in situazioni di studio, lontane dal contesto effettivo di scelta, non sempre si traducono in comportamenti effettivi o ancora, non sempre le preferenze di marca si traducono in scelte d’acquisto. Perché? Le scienze comportamentali ci supportano nell’interpretazione di questi fenomeni e ci ricordano che la natura umana richiede di essere compresa da un punto di vista più olistico: il comportamento umano è spesso automatico, immediato, influenzato molto più pesantemente di quanto non immaginiamo, dai fattori contestuali.

 

 

Leggi tutto l'articolo

Tratto da: Pubblicità Italia
Data di pubblicazione: 01/02/2014