TNS

Meno intelligenza nell’auto connessa, più rilevanza nel mondo reale, per favore

La tecnologia dell'auto connessa è qualcosa di intelligente, ma i brand automobilistici si stanno dimenticando un elemento fondamentale nella ricerca del vantaggio competitivo: l'automobilista.

Dimostrare la rilevanza del mondo reale è un passo fondamentale che molti produttori sembra non stiano ancora considerando.

I brand automobilistici hanno investito molto nello sviluppo delle funzionalità delle auto connesse nel tentativo di attirare gli acquirenti e guadagnare un vantaggio competitivo. Ma l'investimento sta pagando? Nel breve, "non proprio", secondo il recente studio globale Connected Car * che ha analizzato gli atteggiamenti e il comportamento d'acquisto di oltre 8.500 proprietari di auto connesse.

Apparentemente, quasi la metà di loro semplicemente non "sfrutta" le funzionalità a sua disposizione. Come siamo arrivati a questa conclusione? Il fatto che la maggior parte non sapesse nemmeno di possedere un'auto connessa ne fa un'ipotesi ragionevole. Inoltre, molti erano ignari dei vantaggi della tecnologia, non riuscendo a vedere come avrebbe potuto migliorare le loro vite quotidiane.

Elementi piuttosto scioccanti, specialmente per i produttori di auto connesse e i fornitori di funzionalità. Ma forse qui c'è un'opportunità per i brand automobilistici disposti a fare un passo indietro, rivalutare il modo in cui lanciano sul mercato le loro ultime magie tecniche e trovare modi semplici per spiegare una tecnologia fuori dal mondo.

Pensiamo che la semplicità, non la complessità, sia la strada da seguire e abbiamo concentrato il tutto in quattro punti chiave, per renderlo semplice.

1. Pertinenza

Sembra che la gente non possa immaginare l'utilità della connettività. Chiedi loro cosa vogliono dalla loro nuova auto e ti diranno "sicurezza" e "risparmio sul carburante". Sorprendentemente, queste considerazioni di acquisto sono in cima alla lista, in testa rispetto a "design" e "immagine di marca", e molto prima della "connessione". Se i brand automobilistici possono stabilire un collegamento più chiaro tra la tecnologia nelle loro auto e il modo in cui migliora l’efficienza dei costi e la protezione, le funzionalità delle auto connesse diventano improvvisamente molto importanti. Navigatore satellitare, aggiornamenti sul traffico, pianificazione del percorso, modalità per evitare le collisioni, avviso di uscita dalla corsia - tutte queste funzionalità sono pubblicizzate direttamente nelle decisioni di acquisto più influenti. Nessun gioco di parole previsto.

2. Comprensione

Potremmo sbagliarci, ma se qualcuno non sa dell’esistenza di una funzionalità, per non parlare di come funziona e a cosa serve, è sicuro presumere che non la userà. Questo è un vero problema per i proprietari di auto connesse - non sono a conoscenza della tecnologia a loro disposizione perché non è stata valorizzata da chi ha venduto loro l'auto. Forse la tecnologia ostacola l'affare, chissà. Ad ogni modo, anche questa potrebbe essere un’opportunità per un brand automobilistico pioneristico di cogliere opportunità. Con le attuali dimensioni delle dashboard informative sul cruscotto, c’è un'opportunità per tutorial a bordo e all’interno dell’auto come quelli che si trovano su smartphone, televisori e la maggior parte dei sistemi operativi per PC. E, che dire dei guru tecnici specializzati nelle showroom il cui unico scopo è educare i nuovi automobilisti in tutte le meraviglie della connettività della loro auto? Un po 'come i "geni" nel tuo Apple Store locale.

3. Utilizzo

Seguendo il punto precedente, incoraggiare l'utilizzo iniziale è la chiave per il continuo godimento delle funzionalità connesse dell’auto. Quando ciò accade, gli automobilisti acquisiscono familiarità con l'interfaccia e ciò che può fare. Ciò rende il legame con il brand automobilistico ancora più forte: i proprietari di auto hanno meno probabilità di scegliere un brand diverso quando arriva il momento di cambiare perché non vogliono dover imparare un sistema completamente nuovo. È la barriera intenzionale attualmente utilizzata dalle grandi aziende di smartphone. (Apple di nuovo.) E’ molto più facile restare attaccati a ciò che si conosce piuttosto che cambiare piattaforma.

4. Fiducia

Confidare nel fatto che i vantaggi promessi si concretizzino e si dimostrino utili è uno dei motivi principali per cui molti proprietari di auto connessi non hanno accesso alle funzionalità o si iscrivono a pacchetti basati su abbonamento. C'è una netta mancanza di fiducia e un'enorme quantità di scetticismo. Ora, ci sarà sempre un gruppo di persone che sarà l'ultimo a partecipare quando si tratta di innovazione,ed è anche il gruppo più grande di persone. Tuttavia, accelerare il loro apprezzamento della connettività in una fase precedente (vale a dire dal concessionario quando stanno acquistando l'auto!) contribuirà a trasformarli da cinici in utenti e sostenitori.

 

Le auto connesse sono piene di cose intelligenti, ma forse i brand automobilistici non sono abbastanza astuti nel commercializzarle. Piuttosto che seguire un modello "costruisci e compreranno", hanno l'opportunità di aumentare la loro quota di mercato allineando le proprie caratteristiche alla vita delle persone. Meno intelligenza, più rilevanza, per favore.

* Kantar TNS ha recentemente pubblicato l'ultimo studio Connected Car, scarica la sintesi del report qui: http://go.tnsglobal.com/connected-cars