TNS

Nuove modalità di pagamento: ampi spazi di crescita

Il mercato dei pagamenti ha un potenziale di crescita pari al 26% della spesa

COMUNICATO STAMPA

Milano, 19 Novembre 2013 - Il mercato dei pagamenti offre oggi svariate possibilità. Se un tempo erano disponibili solo contante ed assegni, oggi una moltitudine di nuove opzioni – dalle carte (di credito o di debito, contactless,…) a PayPal, ai pagamenti online, alle app da scaricare su smartphone o tablets sono a disposizione dei Clienti per supportarli nell’acquisto di beni e servizi. Irene Ierardi, TNS Consumer Finance Practice Lead, ha presentato a Treviso, alla Conferenza “The Bank of the Future”, i risultati di un’interessante indagine effettuata in Gran Bretagna, sull’evoluzione dell’ecosistema dei pagamenti.

I comportamenti d’acquisto e le modalità di pagamento, infatti, evolvono: tecnologia, aspettative progressivamente crescenti dello shopper e cambiamenti socio-demografici stanno impattando notevolmente l’esperienza d’acquisto, con effetto anche sul servizio atteso in termini di supporto al pagamento.

La pervasività della tecnologia ha infatti abilitato uno shopper attivo, connesso, pronto a fruire dell’innovazione, aperto al cambiamento. Ed allora i benefici che la tecnologia offre devono rispondere ad esigenze chiare, offrendo benefit rilevanti all’occasione d’uso. I risultati di uno studio sui metodi di pagamento, effettuato da TNS in Gran Bretagna, contribuiscono a validare questo punto di vista.

I risultati di uno studio sui metodi di pagamento, effettuato da TNS in Gran Bretagna, contribuiscono a validare questo punto di vista.

“Che cosa i consumatori idealmente desiderano da un metodo di pagamento in quell'occasione d’uso?”TNS UK è partita da questo interrogativo, per evidenziare i macro gruppi di bisogni ideali.

Il primo gruppo individua la necessità di utilizzare modalità ampiamente accettate, diffuse, una sorta di semplicità di servizio – dice Ierardi - ovunque disponibile, su cui si può fare affidamento in ogni luogo. Si evidenzia poi la necessità di rassicurazioni contro le frodi e emerge la richiesta di semplicità: un pagamento semplice ed anonimo”.

Il secondo gruppo di bisogni individuati “vanno oltre” le prime esigenze e includono un'aspettativa di “benefici personali” provenienti dal metodo di pagamento. “Proprio in questo secondo gruppo di bisogni si colloca, in base al nostro studio, il più grande dei bisogni ideali – continua Ierardi, 26% della spesa individuale: la necessità di personalizzazione, di servizi "intelligenti" connessi con il pagamento”.

I metodi di pagamento attualmente presenti sul mercato sembrano, secondo i consumatori inglesi, non rispondere a questa particolare esigenza: ampi sembrano essere gli spazi per l’offerta di una tipologia di pagamento che incontri un insieme di esigenze ideali legate ad un’esperienza di pagamento “smart & customized”, che si inserisca nel processo d’acquisto senza creare problematicità, ma valorizzando le esigenze dell’individuo.

L’esigenza di poter disporre di modalità di pagamento che regolano l’acquisto, senza angustiare, ma con la consapevolezza di potersi affidare alla tecnologia si traduce nel desiderata “vorrei un’esperienza di acquisto e di pagamento integrata e, al giorno d’oggi, con l’attuale tecnologia a disposizione, è ridicolo complicarsi la vita”.

“In quest’ambito – conclude Ierardi - le nuove opportunità che la tecnologia offre, trovano concreta applicazione se, e solo se, sapranno rispondere ad esigenze precise dello shopper, oggi nuovo stakeholder, un connected pro-sumer, conscio dei benefici che i nuovi sistemi di pagamento possono offrirgli, attivo, informato ed in grado di scegliere il “proprio” metodo di pagamento”.

Gli attori della filiera, dai Manufactures ai Retailers, dai Financial enabler ai Telco provider, avranno modo di essere protagonisti, ognuno per la sua parte, di questa esperienza così rilevante per il consum-attore. Se si riuscirà ad integrarla, in un continuum senza soluzione di continuità, allora sì, potrà essere occasione si sviluppo, di crescita e di successo per il sistema nel suo complesso.

- FINE -

Scarica per il pdf del Comunicato Stampa

Note per la stampa

Contatti
Gabriella Bergaglio
 - Marketing Manager - TNS Italia
Cell. +39.334.60.91.720 - @: gabriella.bergalio@tnsglobal.com

TNS The future of payments (2013): TNS UK ha effettuato un’indagine sui sistemi di pagamento in Gran Bretagna, ascoltando 1702 consumatori che avevano recentemente effettuato pagamenti in diverse occasioni/modalità d’acquisto. Il field è stato effettuato online nel mese di Maggio 2013 con l’obiettivo di analizzare esigenze attuali ed ideali nell’utilizzo dei diversi sistemi in UK, attese dei Clienti ed opportunità per i player dell’offerta, nell’innovazione dell’ecosistema stesso.

TNS offre consulenza specifica su strategie di crescita per innovare il posizionamento dei brand, sviluppare prodotti e servizi, entrare in nuovi mercati, gestire gli stakeholder, grazie alla lunga tradizione ed expertise e ai modelli d’analisi proprietari. Presente in 80 Paesi, TNS fa tesoro della grande esperienza d’ascolto del consumatore globale: uno strumento indispensabile e prezioso per conoscere e comprendere i comportamenti degli individui e le loro attitudini, nelle diverse regioni culturali, economiche e politiche del mondo. TNS è parte di Kantar, uno dei maggiori network al mondo, nell’informazione, nella ricerca e nella consulenza strategica. Per ulteriori informazioni: www.tnsglobal.com

Kantar è uno dei maggiori network al mondo, nell’informazione, nella ricerca e nella consulenza strategica. Unendo le diverse professionalità provenienti da 13 network internazionali, il gruppo punta a diventare il primo fornitore di consulenza strategica per la comunità imprenditoriale globale. Con 28.500 dipendenti nel mondo, che operano in 100 Paesi, coprendo l'intero spettro delle attività di ricerca e consulenza strategica, offre ai propri Clienti approfonditi livelli di conoscenza specifica in tutte le aree del ciclo di consumo. I servizi del Gruppo sono utilizzati da oltre la metà delle prime 500 aziende della classifica di Fortune. Per ulteriori informazioni: http://www.kantar.com