TNS

Kantar a IAB Forum - Digital Media: c’è ancora spazio per crescere? Trend e sfide del Marketing di oggi

 

Com. stampa - Milano, 20 novembre 2019 – Anche quest’anno le stime di chiusura del mercato pubblicitario, vedono l’Italia fanalino di coda, insieme alla Spagna, mentre in UK, Francia e Germania gli investimenti in adv continuano a crescere. D’altro canto, un’analisi dei trend italiani della share di TV e Digital, mette in luce come già 20 anni fa, la quota di investimenti in spazi televisivi fosse intorno al 49%, dove è rimasta, indicativamente, dopo un exploit al 52% (nel 2009) per attestarsi al 45,6% (stima a chiudere dell’anno in corso - market data da GroupM “This Year Next Year 2019”). Cosa ci dice questo trend? Ne ha parlato oggi Federico Capeci – CEO Italy, Greece & Israel, Kantar – Insights Division, a IAB Forum, all’interno del Convegno Istituzionale, proponendo alla platea di Marketers intervenuta, alcune osservazioni sul futuro del Digital Media in Italia.

Se si analizzano i trend di lungo periodo, vediamo infatti che l’Italia spicca per questa sua particolarità: una forte presenza della TV negli Investimenti Italiani (45,6%1 – elaborazione Kantar & GroupM dei dati del report globale di GroupM “This Year Next Year 2019”) che non trova eguali nei Big 5 europei, ad eccezione della Spagna (37,6%). Per gli altri: la carta stampata resiste con tenacia in Germania, dove rappresenta ancora circa il 30% del Media Mix, mentre in UK, la spropositata crescita del Digitale ha travolto i media tradizionali, portando Internet al 62% e la TV al 20,9%.

In uno scenario di questo tipo, c’è ancora spazio per la crescita del Digital Media, in Italia?

“La situazione Italiana è peculiare – ha commentato Federico Capeci – e i trend che abbiamo visto lo confermano. Sarà comunque difficile pensare a una forte riduzione del peso della Televisione, così come degli altri mezzi, ormai stretti nella morsa TV-Digital, per immaginarsi che Internet possa ancora crescere.”

E allora? Capeci continua e aggiunge “L’unica strada è la crescita del mercato nel suo complesso ed un mercato cresce quando risponde alle esigenze della domanda… o addirittura ne sa creare di nuove…  attualmente sembra esserci una sorta di tensione tra ciò che tutti sanno che occorre fare (usare più mezzi, integrarli attorno al Consumer Decision Journey, usare contenuti specifici e adeguarli ai diversi canali, etc) e ciò che oggettivamente è possibile fare, con strumenti di misurazione spesso monchi. Questo è quello che gli operatori ci stanno dicendo2, nell’approfondimento della ricerca fatto anche in Italia: non si è così sicuri di lavorare sul Media mix Ottimale (solo il 18% è veramente sicuro) né di saper comprendere a pieno l’impatto dei touchpoints nel Consumer Decision Journey” (dati Kantar – Getting Media Right 2019 – Marketing in Motion). È risaputo di dover lavorare su campagne integrate (75% in Italia e 81% a livello Globale) ma poi si considera ben integrata solo 1 campagna su 2 e con buon adattamento sui diversi canali – e… “naturalmente queste sono le campagne che secondo i database Kantar di analisi Cross Media registrano poi le migliori performance”, sottolinea Capeci.

Ma non finisce qui: solo un 24% degli operatori italiani (22% a livello Globale) è convinto che la propria organizzazione stia targettizzando l’audience delle proprie campagne con successo e addirittura solo un 12% in Italia (ed un 14% a livello Globale) è veramente convinto che la propria organizzazione sia in grado di integrare molteplici fonti di dati per estrarne insights azionabili: “nel contesto digitale, che produce dati e potenziali insights ad ogni interazione, questo quadro appare quasi paradossale”, non esita a sottolineare Capeci.

Un quadro di incertezza che non supporta certamente le esigenze di un mercato che ancora non ha trovato chiarezza nella valutazione dell’impatto (e dei ritorni) delle campagne integrate.

C’è poi un altro punto: solo un 39% degli operatori italiani intervistati nello studio Getting Media Right (vs un 61% a livello Globale) ha dichiarato di aver individuato il corretto equilibrio fra investimenti di breve e di lungo periodo, tema poi approfondito in un workshop specifico da Kantar e VMLY&R.

Sulla base di alcuni dati provenienti dalla data platform BrandZ, Kantar e VMLY&R hanno evidenziato come solo un 6% dei Brand analizzati a livello mondiale sia riuscito a crescere in un anno… se poi andiamo a vedere quanti siano riusciti a mantenere il successo nei due anni successivi, vediamo che solo 1 marca su 10 è riuscita a capitalizzare lo sforzo, massimizzando il potenziale di crescita.

Il segreto? Essere riusciti a lavorare su un framework completo che parte dall’Experience, offrendo un’esperienza che gratifica e fidelizza gli attuali Clienti, passa per l’Exposure, che ne influenza le vendite future ed allarga la customer base sostenendo la predisposizione alla scelta di quella marca e converte con l’Activation, che influenza le vendite immediate, catturando (e convincendo) gli Undisposed Customers. Ma su ognuna di queste fasi, è importante riuscire a bilanciare il focus sul breve (l’impatto sugli indicatori di diagnostica che ingaggiano il consumatore e sostengono la conversion) con quello sul lungo termine (un chiaro purpose, fil rouge della strategia e la costruzione di equity e distintività nella mente del consumatore).

“Le campagne di successo – ha commentato Simona Maggini, CEO VMLY&R - lavorano con efficacia in tutto il framework ed offrono alla marca la possibilità di valorizzare momenti rilevanti del Customer Journey che costituiscono “memorie” in grado di influenzare le scelte attuali e future. I casi di Lavazza nella campagna “More than Italian” e Actimel “Forte dentro” sono esempi in cui la Big Idea è stata articolata con storytelling coinvolgenti sui diversi touchpoint, con coerenza e rilevanza. I risultati parlano da soli, sia in termini di diagnostica di Brand, sia in termini di Sales”.

Vitale la capacità di monitorare l’impatto delle attività di Comunicazione e Marketing attraverso sistemi di Brand Guidance innovativi, integrati e agili, studiati per il contesto attuale, che necessita di rapidi tempi di reazione. Brand Pulse, il nuovo sistema di Brand Tracking di Kantar, offre alle marche la possibilità di utilizzare sistemi modulari agili ed integrati, oltre a dashboard digitali ed interattive con cruscotti di immediata interpretazione ed azionabilità.

Per saperne di più, scaricate i report https://www.kantar.com/gettingmediaright  e kantar.com/mastering-momentum

Note

  1. Kantar & GroupM elaboration on Market Data from GroupM “This Year Next Year 2019”
  2. Kantar, Getting Media Right – Marketing in Motion 2019

Getting Media Right: Marketing in Motion è lo studio svolto da Kantar con l’obiettivo di:

Condotto tra giugno e agosto 2019, è basato sulla prospettiva di direttori marketing, media, agenzie creative, inserzionisti, società ed esperti del settore che hanno offerto la propria vision per costruire insights a vantaggio della community. L’analisi ha raccolto l’opinione dei rispondenti in merito a:

Lo studio ha coinvolto rispondenti così distribuiti:

Advertisers: 152 (31%)

Europa: 158 (la survey in Italia ha raggiunto altri 32 marketers: 18 Advertiser, 7 Media e 2 Agenzie)

Media: 98  (20%)

APAC:119

Agenzie: 239 (49%)

Latin America:110

 

North America:101

Mastering Momentum è lo studio di Kantar che ha analizzato i risultati di 3.900 brand presenti nel database BrandZ™, su un arco temporale di 3 anni.

Attraverso i risultati raccolti, ha messo in evidenza che:

Tutti avevano in comune la capacità di individuare il giusto equilibrio fra attività di breve e di lungo termine attraverso la gestione attenta del framework Experience, Exposure, Activation.